Studiare in Austria

In Austria è possibile iscriversi in un numero qualsiasi di corsi di studio.

Parlando delle lezioni, ogni tanto si sente ancora nominare il termine Semesterwochenstunde che indica la durata (quante ore) di una determinata lezione a settimana e semestre. Ormai, però, anche in Austria si è affermato il termine ECTS (in italiano CFU – crediti formativi universitari), che si usa per misurare il carico di lavoro richiesto allo studente. L’anno accademico è suddiviso in “semestre invernale” (Wintersemester) e “semestre estivo” (Sommersemester).

Istituti superiori di qualificazione professionale

Oltre alle università, ci sono anche le cosiddette Fachhochschulen (istituti superiori di qualificazione professionale). Mentre in Italia questo tipo di istituzione universitaria non esiste, in Germania ed Austria le Fachhochschulen hanno uno stato speciale perché, nonostante l’offerta formativa sia ridotta in confronto con le università tradizionali, i corsi di studio offerti sono molto specializzati ed orientati alla prassi. Le lezioni si svolgono in piccoli gruppi - un po’ come a scuola. La frequentazione delle Fachhochschulen è consigliabile se si ha già deciso quale professione esercitare dopo lo studio.

Tasse e contributi

In Austria da anni si discute sul tema delle tasse universitarie. Nelle università statali pagano le tasse solo i cittadini/le cittadine non UE e studentesse/studenti fuori corso (4 anni per la triennale, 3 per la magistrale). L’ammontare delle tasse è di circa 370€ a semestre – ed anche qua ci sono delle eccezioni. Tutti gli altri devono pagare il contributo ÖH di 20,20 euro/semestre.

Nella maggior parte degli istituti superiori di qualificazione professionale si pagano le tasse che ammontano a circa 370€/semestre. Alcuni istituti, come il Johanneum a Graz, non hanno le tasse, invece presso altre istituzioni o università private possono essere più alte.